Strade intelligenti per risparmiare energia

Dalla Rivoluzione Digitale è impensabile riuscire a immaginare la nostra vita senza la tecnologia.

Non solo per i cambiamenti culturali e sociali che ha comportato, ma anche e soprattutto per le enormi possibilità apertasi, in campo energetico, in termine di energia sostenibile. L’obiettivo è uno: arrivare ad un’energia pulita e amica dell’ambiente, riducendo la dipendenza verso i combustibili fossili e dando l’opportunità di ridurre i gas serra.

Le strade per arrivarci sono diverse, e mentre l’ingegneria energetica lavora per perseguire questo importante traguardo, ci sono accorgimenti e soluzioni pensate per rendere il risparmio energico una realtà immediata, puntando ad un consumo responsabile. Soluzioni, insomma, che fanno la differenza, concretamente, nel quotidiano.

Quanto costa, in termini energetici l’illuminazione delle strade? Data per scontata, in quanto effettivamente indispensabile, l’illuminazione pubblica in Italia ha raddoppiato i consumi di energia negli ultimi 15 anni, toccando la quota di 107 kWh per abitante. 
Quasi il doppio della spesa rispetto alla Germania e alla Gran Bretagna e un terzo rispetto alla Francia. 
Una soluzione per un consumo più responsabile viene dalla Norvegia, che ha adottato un sistema di intelligente, avviato in fase sperimentale.
Lungo l’autostrada 155, tra Nes e Hole, a nord di Oslo, sono stati installati circa 220 radar in un tratto di strada lungo 9 km. I radar rilevano la presenza di veicoli regolando l’illuminazione di conseguenza.
Il sistema “Motion Sensing street lighting”, installato dall’azienda COMLIGHT, garantisce la massima sicurezza stradale. L’intensità della luce viene aumentata dal 20 al 100 per cento, ma solamente al passaggio degli automobilisti. In mancanza di traffico viene mantenuta al 20 per cento della potenza. 
In un tratto così breve, il risparmio stimato è stato di 21000 kWh.

Un investimento, insomma, perfettamente in grado di ripagare gli sforzi compiuti, riducendo significativamente le emissioni di co2.  
Anche la scelta di utilizzare luci a LED è finalizzata al risparmio energetico, perché ne utilizzano meno rispetto alle sorgenti alogene o fluorescenti. Altri progetti di illuminazione intelligente sono diffusi in tutta la Norvegia. Già patria delle auto elettriche, è un esempio da seguire e un traguardo da raggiungere, per noi e per il pianeta.