Habitat: la casa degli animali pt 1

Tempo di lettura stimato: 4 min

La definizione di habitat più accreditata dai vocabolari è “l’insieme delle condizioni ambientali in cui vive una determinata specie di animali o di piante”. In poche parole è la casa dei nostri amici animali, il luogo dove vivono, crescono e si riproducono. Nel corso del tempo, ogni specie animale si è adattata all’habitat, modificando il proprio comportamento e adeguandolo alle circostanze esterne. Si crea una forte connessione tra animali e natura, dove uno influenza l’altro e viceversa, dando vita all’evoluzione delle specie e alla conservazione della biodiversità. Oggi vi raccontiamo la savana, la foresta e l’oceano. 

Dire savana è dire leone, il Re della savana. Questo grande felino fa da padrone a un territorio tropicale che divide la foresta pluviale e il deserto. Si estende su una vastissima zona che comprende Africa, Asia e Sud America e si riconosce per la caratteristica distesa erbosa con arbusti e sporadici alberi, spesso lontani tra loro. Il tempo è scandito da due stagioni che si alternano: la stagione umida e la stagione secca, ognuna della durata di sei mesi. La temperatura è sempre calda, ma lo sbalzo termico tra giorno e notte è molto elevato. Non manca la ricca fauna dal gigante buono, l’elefante, ai rinoceronti, le gazzelle, le zebre, gli ippopotami fino a numerosi insetti e volatili. Ma la sera, quando cala la notte e il silenzio, è possibile assistere a un concerto a cielo aperto. Le giraffe emettono dei suoni delicati che servono a mantenere la mandria unita, senza attirare l’attenzione dei predatori. Che metodo infallibile!

La foresta è l’estensione di un bosco, caratterizzata da alberi ad alto fusto che coprono il territorio con continuità. La sua conformazione è frutto di un preciso clima, non troppo freddo e non troppo arido, ma umido e dal suolo che permette la crescita di una flora rigogliosa. In base al clima si differenziano le diverse tipologie di foresta caratterizzate da alberi e piante specifiche per ogni territorio. Quella più famosa è sicuramente la Foresta Amazzonica che si caratterizza per un particolare fenomeno: gli alberi producono la pioggia. Tutto questo avviene per la concentrazione di umidità e vapore acqueo rilasciato dalle piante nella fase di fotosintesi. Durante il processo di traspirazione, infatti, le piante fanno cadere vapore acqueo dai minuscoli pori presenti sul lato delle foglie rivolto verso il basso.

L’acqua copre il 71% della Terra, guadagnandosi così l’appellativo di Pianeta blu. L’oceano è la più vista distesa di acqua salata, che si distingue dal mare per dimensione ed estensione. I mari generalmente vengono inseriti all’interno di un oceano di appartenenza che si suddividono in Oceano Atlantico, Oceano Indiano e Oceano Pacifico. Acqua significa vita e proprio negli oceani si sono sviluppate le prime forme di vita, in quanto è un luogo più ospitale rispetto alla terraferma. Oggi sono abitati da mammiferi, pesci, molluschi, alghe e numerose piante acquatiche. E forse non sapevate che le piante degli oceani producono circa metà dell’ossigeno del mondo. Incredibile, vero? 

Conoscete più da vicino i vostri animali preferiti e i loro habitat con i fazzoletti Regina WWF Collection e contribuirete a fare #ungestodamoreperlanatura!