Natura in città pt.2: Milano

In occasione del National Public Gardens Day, creato nel 2008 per celebrare l’importanza di queste aree nel donare bellezza alle città e fornire un vero e proprio polmone verde, trascorriamo una giornata tra i parchi di Milano.
Secondo i dati ufficiali, la città meneghina ha un patrimonio di verde pubblico di circa 24 milioni di mq all’interno di circa 3.000 località censite che comprendono: parchi storici, parchi, giardini, verde stradale, piazze etc. Il patrimonio arboreo è costituito da oltre 220 mila alberi di cui almeno 17 sono monumentali. Il 60% degli alberi è distribuito nei parchi e nei giardini, il 29% lungo i filari stradali e il rimanente 11% nelle scuole o nelle aree verdi di pertinenza degli edifici comunali.
La giornata potrebbe quindi essere un’occasione per promuovere la tutela ambientale e la consapevolezza, la conservazione di acqua e piante e l'educazione dei grandi e dei piccoli alla biodiversità.

Tra le principali essenze arboree presenti a Milano troviamo tanti giardini privati nascosti dai palazzi (una veduta area, infatti, svelerebbe la bellezza di Milano, defiendola una città verde, più che grigio) ma vediamo velocemnete le varie aree verdi più “comuni”:
Acero riccio e Acero di monte: utilizzati nei giardini, nelle piazze e come verde stradale. Platano (Platanus x acerifolia): nonostante sia presente nei parchi e nei giardini, questa essenza è utilizzata principalmente lungo i viali cittadini grazie alla sua resistenza alle potature, alla sua longevità ed alla resistenza agli inquinanti atmosferici.
Tiglio nostrano (Tilia europaea): dai notevoli pregi estetici e dal delicato profumo dei suoi fiori. Tra i parchi milanesi, davvero molto numerosi, citiamo:
Boscoincittà, Via Novara, 340: costituito nel 1974 su iniziativa di Italia Nostra, rappresenta il primo esempio di forestazione urbana del Paese, con 110 ettari di boschi, radure, sentieri, corsi d'acqua, orti urbani. Un'antica cascina ne costituisce il centro operativo.
Giardini Pubblici Indro Montanelli, Via Palestro/corso Venezia: realizzati alla fine del '700 con impianto “alla francese”, sono il primo parco cittadino progettato per un uso pubblico. Ideale per i più piccini.
Idroscalo, Via circonvallazione Idroscalo: detto anche "il mare dei milanesi", è un ampio spazio verde con laghetto artificiale, balneabile solo in una zona ristretta. Ideale per i runner, per le famiglie e i vogatori. Dotato anche di piscine presso Punta dell’Est e ex Villetta.
Parco Agricolo Sud Milano, un vero e proprio squarcio di campagna a pochi chilometri dalla città con cascine, fattorie, risaie, boschi, oasi, fiumi, torrenti…
Parco City Life, Piazza Tre Torri: progetto innovativo di riqualificazione del quartiere Fiera di Milano con Milano, con 100mila metri quadrati di verde, tra appartamenti di lusso e un mall per lo shopping.
Parco delle Cave, Via delle Forze Armate: orti, cascine, ruscelli, laghetti e boschi, aree attrezzate libere ed aree regolamentate per un totale di 1.350.000 mq di superficie. D’estate qui si incontrano le lucciole, uno spettacolo sempre più raro!
Parco della Martesana, Via Agordat: per ammirare il naviglio di Milano Nord anche da una bella pista ciclabile che lo costeggia. Parco Nord, Viale Fulvio Testi: uno dei polmoni verdi più grandi della città, si estende tra Milano, Bresso, Sesto, Cormano.
Parco Sempione, Piazza Sempione/piazza Castello: in stile romantico “all’inglese”, tutto recintato, contiene una ricca collezione arborea e arbustiva, numerosi spazi ricreativi e di svago per bambini e adulti. Lungo i suoi margini si trovano importanti edifici storici e istituzioni milanesi, come il Castello Sforzesco e i suoi musei, l’Arena Gianni Brera, l’Arco della Pace e la Triennale di Milano e l'Acquario Civico.
Parco Ticino, dalla Lombardia al Piemonte, per un totale di 780 km di percorsi ciclo-pedonali e sentieri.

*Nell’immagine naviglio della Martesana (conosciuto anche come naviglio piccolo) Milano