I successi del WWF

Nel mese di maggio, in America, si celebra la giornata dedicata alla conservazione della specie (terzo venerdì del mese) comunicata in rete tramite l’hashtag #EndangeredSpeciesDay.
Invece di raccontare quanto lavoro ci sia ancora da fare per questo nostro Pianeta così minacciato abbiamo deciso di guardare il bicchiere “mezzo pieno” e condividere i successi del WWF, una delle più grandi rispettabili e indipendenti organizzazioni per la conservazione, a tutela degli ecosistemi e degli animali vi abitano.
Il 29 aprile 1961 nasceva in Svizzera il World Wide Fund for Nature, che in pochi anni ha trasformato il panda in un simbolo di impegno e concretezza per la tutela degli ecosistemi naturali e per il futuro dell’uomo. Oggi il WWF ha più di 5 milioni di soci distribuiti in 5 continenti, e segue progetti in oltre 100 paesi. Tra i progetti di maggiore impatto:

1. E’ il 1962 e il giovanissimo WWF dà l'impulso decisivo (con Charles Darwin Foundation) alle attività di ricerca per l'istituzione della Riserva Marina delle Isole Galapagos (nell’immagine).
2. Con l'Operazione tigre del WWF, nel 1972, nasce la prima campagna globale per salvare una specie dall'estinzione. Con la nascita di 15 riserve in India, la popolazione cresce in pochi anni del 30%. E ancora, nel 2016 il numero di tigri cresce ancora arrivando a 3.890 esemplari (nel 2010 erano appena 3.200) grazie ad uno sforzo comune tra comunità locali, i governi e le Ong.
3. 1989 - Prima ONG coinvolta dal governo cinese, il WWF è impegnato nel Piano nazionale per la conservazione del panda gigante, con un risultato straordinario: alcuni anni fa la popolazione è cresciuta da 1.000 a 1.600 individui, con un numero sempre maggiore di aree protette. Il Panda finalmente esce dalla classifica degli animali “in pericolo”, con un aumento del 17% della popolazione che ha “blindato” questa specie al gradino più basso del rischio.
4. E per quanto riguarda la nostra Penisola, il WWF Italia ha lanciato nel 2017 la campagna SMS “SOS LUPO” per salvare il simbolo della nostra natura selvaggia da fucili e veleno. Per favorire un equilibrio stabile tra lupi e zootecnia è stata sottoscritta insieme a DifesAttiva, un’associazione di allevatori virtuosi della Maremma toscana, un accordo di collaborazione. Grazie ai fondi raccolti con la campagna #SOSlupo, nella provincia di Grosseto si è cominciato a contribuire concretamente alle spese di mantenimento degli efficaci cani da guardiania che DifesAttiva mette a disposizione degli allevatori, come i famosi cani bianchi usati da secoli in Abruzzo e in Maremma, sostenendo l’acquisto di cibo e di medicinali veterinari.
5. Da ultimo, al via il Wwf Travel, l’operatore dei viaggi all’insegna della natura: «Si tratta di viaggi a diretto contatto con la natura – conferma il direttore di Wwf Travel, Gianluca Mancini -, ideati per creare un circolo virtuoso fra turismo sostenibile e responsabile, comunità locali e preservazione della natura e dell’ambiente. In pratica, Wwf Travel si propone di visitare diversi Paesi con un occhio attento all’aspetto di tutela dell’ambiente e di preservazione dell’ecosistema locale».