Il geranio

Non c’è niente di meglio che approfittare dell’arrivo della primavera per riposare sotto i caldi raggi del sole, meglio ancora se si ha l’opportunità di contemplare la bellezza dei primi fiori sbocciati. Questo mese scopriamo un potenziale alleato del nostro benessere, che colora i balconi di tutta Italia: il Geranio. Il Geranio appartiene alla famiglia delle Geraniaceae, che comprende circa 11 generi con oltre 400 specie. I generi maggiormente coltivati sono il genere Geranium, tipico delle zone più umide e fredde; le foglie in autunno diventano rosse e i fiori hanno una forma regolare (con 10 stami). Il genere Erodium, con il frutto la cui forma ricorda il becco di un Airone. Il genere Pelargonium, quello che comunemente è chiamato Geranio ed è maggiormente diffuso nelle nostre case. Il genere Pelargonium è a sua volta suddiviso in diverse specie, tra cui il Geranio comune, dal fogliame peloso e cuoriforme, il Geranio edera, con foglie lucide e carnose, il Geranio odoroso, con piccole foglie frastagliate e fiori bianchi o rosei dal profumo di mela.
Il geranio ama le posizioni soleggiate, ma vive bene anche stando in penombra, specialmente d’estate, quando una prolungata esposizione ai raggi del sole potrebbe danneggiarlo. Va innaffiato regolarmente circa tre volte la settimana in primavera, aumentando poi a tutti i giorni durante l’estate senza esagerare, per non far ristagnare acqua. Se il Geranio comune è il più diffuso, è un’altra la variante maggiormente sfruttata come alleato per il nostro benessere: si tratta del Pelargonium graveolens, dal profumo di rosa, originario del Sudafrica. Le fronde di questa specie sono molto profumate, perché ricoperte dai peli ghiandolari che contengono oli essenziali da sempre sono sfruttati per le numerose virtù. Vediamo quali sono!

In Aromaterapia, l’olio di geranio è utilizzato in caso di depressione, ansia, stress, acne, insonnia e mal di gola, per via delle proprietà antibatteriche, antidepressive, antisettiche, antiinfiammatorie, astringenti e calmanti.
Per la pelle è perfetto, non solo svolge la funzione di tonico, ma fa anche da antinfiammatorio naturale e da repellente per gli insetti; prima di essere applicato sulla pelle va diluito in un olio vegetale di base. Anche le piccole ferite possono trarre giovamento dall’applicazione dell’olio essenziale di geranio, per via delle proprietà antibatteriche, che evitano la formazione di germi e cicatrizzanti, per accelerare processo di guarigione.
L’olio è utile anche per migliorare la circolazione: basta compiere massaggi circolari aggiungendone qualche goccia alla solita crema per i corpo e non solo! Avete mai notato che nelle creme anti-age è spesso utilizzato come ingrediente? Provare per credere: basterà aggiungerne una goccia alla solita crema per il visto per sfruttarne l’effetto antirughe.
Infine, ultimo dei numerosi utilizzi nella routine di bellezza quotidiana, può essere utilizzato come base per un deodorante naturale autoprodotto: mescolare in un barattolino di vetro due cucchiai di bicarbonato di sodio e quattro gocce di olio essenziale di geranio, più eventualmente un cucchiaino di amido di mais per un maggior risultato assorbente. Chiudere il barattolino e usare il deodorante in polvere come se fosse un talco, applicandolo con un piumino da cipria.  
Anche in casa il Geranio si presta a diversi utilizzi, perché non sono solo i fiori a tenere lontane le zanzare. Basterà versare un po’ d’acqua nella vaschetta del brucia essenze insieme a qualche goccia di olio di geranio per mantenerle lontano dalla casa. Funziona anche per le formiche, che ai primi caldi iniziano a compiere escursioni in casa diventando un problema. Posizionare dei batuffoli di cotone imbevuti di olio essenziale nei punti critici è il sistema più naturale per allontanarle nel rispetto dell’ambiente.
Un’altra conferma di come piante e fiori siano un vero e proprio concentrato di benessere, offerto dalla natura che vive intorno a noi.