Alghe per la salute

Kombu, Wakame, Nori, Hiziki, Spirulina… non è una formula magica, ma un semplice elenco di preziosi alleati per Cura e Benessere quotidiani: le alghe! Le abbiamo viste fare capolino sugli scaffali dei negozi d’alimentazione naturale, nei reparti dietetici delle farmacie, nel reparto cosmetici di grandi centri commerciali. E siamo diventati curiosi: scopriamo di più sulle loro proprietà!

Esistono molti tipi di alghe, suddivise in oltre 24mila specie. Ve ne sono di microscopiche, come la spirulina, e di giganti, che possono raggiungere centinaia di metri di lunghezza, così come ce ne sono di dimensioni intermedie. Anche il colore varia, così come il loro habitat. Quel che è certo, è che crescono dovunque, in ogni specchio d’acqua, e che sono tra le forme di vita più antiche del pianeta.
Confrontate con le piante eduli terrestri, le alghe appaiono più ricche di proteine, di carboidrati e soprattutto di sali minerali e oligoelementi, come iodio, ferro e calcio. Notevole anche il patrimonio vitaminico: oltre ad un discreto contenuto di vitamina B1,B2 e C, le alghe sono una fonte preziosa di una vitamina ben più rara, la B12.

Il consumo di alghe, però, impone dei limiti su cui confrontarsi con il proprio medico curante. Ad esempio il consumo di alga Nori, una delle varianti più famose perché impiegata nella preparazione del popolarissimo sushi, è sconsigliata in grandi quantità alle donne in gravidanza o durante l’allattamento, oltre che per chi ha problemi alla tiroide, proprio per via della quantità di iodio.


L’altra caratteristica delle alghe è che agiscono come una spugna, assorbendo i minerali e i nutrienti dall’acqua ma purtroppo anche i metalli pesanti. Così se da un lato sono ricche di calcio, magnesio e iodio, dall’altro possono contenere tracce di piombo, arsenico e cadmio.


Ecco perché molti ecologisti utilizzano le alghe come bio-monitor per determinare i livelli di inquinamento dell’acqua.
Ed ecco perché le alghe ad uso alimentare dovrebbero provenire da luoghi protetti, certificate dunque come alghe cresciute in maniera biologica certificata.

Oltre all’impego alimentare, molte specie di alghe vengono utilizzate anche a scopo terapeutico, o semplicemente come integratori alimentari o come base per preparazioni cosmetiche.
Pensate che già Plinio Il Vecchio (nel I secolo d.C.) raccomandava l’uso delle alghe nella cura contro la gotta, malattia molto diffusa tra la nobiltà romana; Dioscoride Padanio, celebre medico greco, ne consigliava l’impiego contro eruzioni cutanee, gastrite e disturbi dell’intestino e del fegato.
Attualmente, le alghe fanno parte di una cinquantina di specialità farmaceutiche che includono muco-protettori, lassativi, preparati per l’obesità, integratori, rimedi contro i disturbi della crescita e la demineralizzazione.

In tempi recenti, l’attenzione è infatti puntata sulle numerose proprietà extranutrizionali delle alghe, che ad esempio possono trovare un valido impiego nella nostra routine di bellezza quotidiana.
Le alghe sono un elisir di bellezza naturale per ogni tipo di pelle: garantiscono elasticità della cute, favoriscono l’ossigenazione dei tessuti e l’eliminazione delle cellule morte.
Alcune loro componenti, invece, come l’astaxantina, sono utili come fotoprotettori perché inibiscono l’ iperpigmentazione.
Così, dall’invecchiamento della pelle alla cellulite, i campi di utilizzo delle alghe sono tantissimi.

Si possono trovare sia in erboristeria che in moltissimi supermercati. In commercio esistono anche preparati in polvere o in fango, comodi e pratici da utilizzare.
Per realizzare una maschera di alghe fatta in casa, ad esempio per tonificare la pelle e migliorare la silhouette, procurati l’alga laminaria o fucus (in erboristeria o farmacia) e diluiscine 2 cucchiai in acqua calda. Lascia in ammollo per 15 minuti, aggiungi un tuorlo d’uovo, 10 gocce di olio di limone e 5 gocce dell’olio essenziale che preferisci. Mescola, applica sulle parti interessate  e avvolgi con pellicola trasparente, lasciando agire per 45 minuti. Risciacqua sotto la doccia e… la pelle ringrazia!