Viaggiare con i pets: addio stress!

Tempo di lettura stimato: 4 min

Finalmente è arrivato il momento di partire per le vacanze, un momento che molti amanti degli Animali In Casa sceglieranno di condividere con i pets. Per questo, che siate con Fido o Felix, ecco alcuni consigli per ridurre al minimo lo stress da viaggio, sia per voi che per i vostri amici a quattro zampe.

Per prima cosa, pensiamo alla parte burocratica: nel caso vi rechiate all’estero dovrete avere oltre al libretto veterinario dell’animale, anche il passaporto con la certificazione della vaccinazione antirabbica, ove prevista, effettuata nei tempi consoni. Solitamente il passaporto dell’animale è rilasciato all’Anagrafe canina del comune di residenza, dove il cane viene correttamente registrato insieme al numero di Microchip. Per informazione potete rivolgervi al vostro veterinario di fiducia!

Il trasportino deve essere omologato, di dimensioni adeguate e con un buon ricircolo dell’aria. Per il cane è in vigore l’obbligo del collare, meglio se con medaglietta, del guinzaglio e della museruola, che dovete comunque portare con voi, ma non sempre.
Vediamo le differenze tra i principali mezzi di trasporto:
In aereo: non esistono regole generali comuni per l’accesso a bordo dell’aeromobile di cani e gatti; ogni compagnia può stabilire diversi criteri e caratteristiche, ad esempio per la tipologia e le dimensioni del trasportino o per il numero di animali accettati in cabina.
Solitamente, i cani di taglia media o grande viaggiano nella stiva pressurizzata all’interno di apposite gabbie rinforzate. In questo caso è bene che l’animale sia già abituato al trasportino o alla gabbia, per non causargli eccessivo stress.
Il trasportino deve consentirgli di stare in una posizione comoda, di potersi girare e accucciarsi; Deve anche essere ben areato, impermeabile, resistente e nel fondo può essere presente un telo o un altro materiale assorbente.
Sull’aereo, dentro il suo trasportino, il cane non deve avere né guinzaglio né museruola, che nemmeno devono essere lasciati all’interno del trasportino. Verificate sempre se il volo prenotato prevede scali in Peasi di transito con cambi di compagnia aerea, per evitare che il vostro Fido resti bloccato all’aeroporto per controlli sanitari. I cani guida, invece, possono viaggiare con il proprietario purché muniti di museruola e guinzaglio.

In treno informatevi sulle politiche della compagnia che effettua il servizio, solitamente i cani sono ammessi tenuti al guinzaglio, se portate con voi museruola e documentazioni; a volte è necessario pagare il biglietto per il cane come un regolare passeggero.

Se vi spostate in nave, sappiate che molte compagnie di navigazione consentono l’accesso di animali a bordo, naturalmete sempre meglio informarsi in anticipo circa il regolamento della compagnia scelta contattandola direttamente. Alcune richiedono un certificato di buona salute redatto dal medico veterinario oltre al documento d’identità che deve accompagnare l’animale in ogni suo spostamento.
Attenzione al mal di mare per i vostri pets! Il veterinario di fiducia potrà fornirvi preziosi consigli su come prevenirlo.

In automobile bisogna prestare attenzione ai colpi di calore; tenere il finestrino posteriore parzialmente aperto per garantire un ricambio d’aria può essere una buona soluzione. Portate sempre la ciotola d’acqua e un piccolo asciugamano da bagnare per rinfrescare il vostro animale se ce ne fosse bisogno. Avere a disposizione un gioco o una coperta famigliare al cane o al gatto gli renderà più facile sopportare il viaggio. Guidate dolcemente, evitate brusche accelerazioni e frenate e ricordate che, se il viaggio è molto lungo, è necessario programmare soste per far sgranchire le gambe al cane e dargli la possibilità di espletare i bisogni.
Non resta che augurarvi buone vacanze in famiglia, con tutta la famiglia!